Fort Teremba

Fort Teremba

This post is part of a series called Itinerari
Show More Posts

A Moindou si può ammirare il fortino di Teremba, simbolo della presenza militare dove ogni anno a settembre si tiene una rievocazione storica alla quale partecipano centinaia di figuranti.

Cenni storici

Fort Teremba è un ex forte e una prigione situata vicino a Moindou, in Nuova Caledonia, che è stata creata per ospitare i prigionieri e il personale di supervisione. I prigionieri furono portati a costruire la rete stradale Canala-Bourail-Boulouparis. Si affaccia sulla baia di Teremba (baia di Uarai), di fronte alla foce del fiume La Foa, a 124 chilometri a nord di Noumea.

Il forte fu ulteriormente rafforzato in seguito alla rivolta del popolo Kanak contro il dominio coloniale francese, nel 1878, quando avevano assediato la prigione. Il forte fu chiuso nel 1898

La costruzione di un forte militare e di una prigione lungo la Baia Uarai iniziò nel 1871 su richiesta del Governatore Eugenio Gaultier de la Richerie e inviò un contingente di venticinque condannati, con due supervisori e tre poliziotti. Il forte fu costruito dal lavoro forzato. Il campo fu ribattezzato Fort Téremba facendo riferimento all’isola Téremba che si trova nel mezzo della baia. Una piccola città era circondata dal campo, con un ufficio del registro, una biblioteca, una chiesa, una scuola, un ufficio postale, un telegrafo, un mercato e un molo. Dopo la costruzione del forte, mentre gli uomini sono stati incarcerati nel Fort Teremba di recente costruzione, le prigioniere donne sono state tenute in una prigione a Fonwhary (anche Panwhary) a 6 km a nord di La Foa. In un momento, la prigione ospitava 200 prigionieri nelle baracche (costruite con “pietre di cob") al di fuori delle mura del forte, che erano impegnati nella costruzione di strade, ponti ed edifici.

La rivolta di Kanak è iniziata a La Foa, i “gendarmi" all’interno del forte sono stati uccisi e la rivolta si è diffusa ulteriormente a sud. Tuttavia, il forte non fu mai preso e al momento era ancora in ottime condizioni. Dopo la rivolta del 1878, il forte militare fu ridisegnato e rafforzato per servire da bunker e possibile rifugio. Per contrastare il potere dell’amministrazione coloniale, il governatore Pallu de la Barrière decise successivamente di impiegare i detenuti nella costruzione di strade e infrastrutture. Nel 1885, il forte passò sotto il controllo dell’amministrazione penitenziaria. Tuttavia, il forte fu abbandonato nel 1897-98, quando le deportazioni finirono.

Nel 1906, il forte era caduto in disuso; un autore commentando quest’anno ha parlato delle “caserme dall’aspetto ripugnante, così cupo e grottesco, e dall’odore così umido e fangoso". Da tempo trascurato, Fort Téremba è stato finalmente restaurato dall’associazione locale Marguerite nel 1984 che ha istituito il “Centro di interpretazione del patrimonio culturale e il carcere militare in Nuova Caledonia" distribuito su 11 ettari di terreno. Il comune ha acquistato il sito nel 1987. L’edificio principale è stato ricostruito e ospita un’esposizione permanente sulla storia del forte. La torre di guardia, un alto muro di pietra e una ghigliottina sono testimoni della storia del forte. La torre circolare del forte offre piacevoli viste sulla baia di Teremba e sul quartiere. Il forte è raggiunto dalla strada RT1, 14 km a ovest di La Foa e poi lungo un sentiero di circa 3 km per raggiungere il forte.

Nel 1989 il sito è stato classificato come monumento storico. Ogni anno, uno spettacolo di luci e suoni che mostrava scene di vita in quel momento, attirava un vasto pubblico. Il tema dello spettacolo presentato per due ore è sulla storia del forte, della prigione e della rivolta di Kanak, che è rappresentata da 180 artisti (di varie figure storiche) che si conclude con uno spettacolo impressionante di fuochi d’artificio sullo sfondo del Fort.

CULTURA

SPIAGGE

NATURA

NIGHTLIFE

MANIFESTAZIONI

BENESSERE

SPORT

SELFIEMAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *